Yoga

Martedì 18.30 – 19.50

con Ilaria Cunsolo - in Via Righi, 19 – Legnano  (MI)
mo incontro di prova è gratuito 



Lo yoga è una disciplina finalizzata a creare equilibrio fra mente, corpo e spirito; equilibrio spesso perduto a causa di una vita stressante, focalizzata sugli aspetti materiali (denaro, apparire, successo…).
Come portare lo yoga nella vita di tutti i giorni? Sincerità, sobrietà, non violenza, sono alcune delle regole dettate da antichi testi orientali per intraprendere il cammino dello yoga. Secondo Patanjali, filosofo vissuto tra il secondo e il quinto secolo avanti Cristo, si possono individuare 8 passi per raggiungere il perfezionamento spirituale: Yama e Niyama sono delle linee guida che ci fanno scegliere uno stile di vita; Asana: le posizioni dello yoga che normalmente si insegnano nelle palestre con il nome di Hata Yoga; Pranayama: controllo del respiro, esercizi di respirazione; Pratyahara: controllo degli organi di senso, astrazione; Dharana: concentrazione o attenzione fissa; Dhyanameditazione o contemplazione; Samadhi: estasi o illuminazione o liberazione


Corso di Hata Yoga




Lo Hatha Yoga è costituito da un complesso esercizi fisico-ginnici, o ASANA, e da esercizi di controllo della respirazione, o PRANAYAMA. La pratica dell’ Hatha Yoga tende al raggiungimento dell'equilibrio psico-fisico, di una maggiore consapevolezza dei nostri processi vitali, fisiologici e, più in generale, del nostro corpo in ogni sua parte. Mediante questo tipo di Yoga, coloro che lo praticano ottengono:

- sul piano fisico: una generale elasticità delle articolazioni e della colonna vertebrale, secondo il temperamento e le possibilità di ciascuno.

- sul piano organico: alcune posizioni possono deviare la circolazione del sangue verso determinati organi, che ricevono una maggior ossigenazione e vengono tonificati; anche la circolazione linfatica viene influenzata e il sistema endocrino armonizzato; l'alternanza di contrazioni e rilassamenti stimola notevolmente tali circolazioni e favorisce l'eliminazione delle tossine; molte posizioni generano compressioni che realizzano un'azione di massaggio sui vari organi e sulla muscolatura viscerale.

- sul piano mentale: una possibilità di controllo emozionale e nervoso; una tecnica di concentrazione per "lottare" contro la dispersione del nostro pensiero; il raggiungimento di un auto-controllo mediante un metodo personale sempre più approfondito.
L'equilibrio di questi elementi psico-fisici si estende a tutte le manifestazioni della nostra vita privata, familiare e sociale, con le felici conseguenze che ne derivano. Tale metodo si basa perciò su tre fattori principali: la respirazione, le posizioni, il dosaggio degli sforzi. Questi tre fattori sono a loro volta condizionati da un attitudine all'attenzione mentale.

Da questo punto di vista si può dire che lo Yoga costituisce una fonte di giovinezza e di salute, senza tuttavia presentarsi in alcun modo come metodo terapeutico. 



Meditazione

La meditazione e' la base indispensabile per ogni cammino di conoscenza per la vita stessa.
La meditazione (dal latino meditatio, riflessione) è, in generale, una pratica che si utilizza per raggiungere una maggiore padronanza delle attività della mente, in modo che essa smetta il suo usuale chiacchierio di sottofondo e divenga assolutamente acquietata, pacifica. Lo stato di meditazione viene raggiunto con la totale concentrazione dell'attenzione nel momento presente (qui e ora). È una pratica volta quindi all'auto-realizzazione.
Fine della Meditazione è l'unione dell'individuo con la fonte della vita, con la Mente Universale, con il Creatore, comunque lo vogliamo chiamare.

Qui è importante considerare subito una distinzione che è veramente fondamentale, cioè la motivazione, lo scopo della Meditazione stessa. Da questa infatti dipendono i risultati che otterremo.
La molla che ci spinge può essere di due tipi:
·                     cercare il controllo della nostra mente, lo sviluppo suo e dei suoi poteri
·                     oppure cercare il giusto uso della mente per fini spirituali

Queste due motivazioni dipendono dalla dualità in cui si svolge tutta la nostra vita. Qui siamo posti di fronte alla scelta tra il potenziamento per il mondo materiale o per quello dello spirito.


Ecco alcuni benefici della meditazione:
La mente è più serena e lucida
Sviluppa un senso di benessere
Aumenta le facoltà mentali
Chiarisce le idee (persino nei momenti più critici)
Stabilizza l’umore
Contribuisce a creare armonia nelle relazioni
Aiuta la concentrazione specie nel lavoro, negli studi e nell’attività sportiva agonistica
Sviluppa la CONSAPEVOLEZZA
Stabilizzazione dei disturbi del sonno (insonnia – ipersonnia)
Disturbi all’apparato digerente
Capacità di concentrazione
Prevenzione e cura degli stati d’ansia
Prevenzione degli stati di apatia
Maggiore produzione di endorfine – sostanza (neurotrasmettitore) che produce benessere

Ecco il punto cardine: la consapevolezza.


Quando siamo consapevoli di quello che stiamo vivendo stiamo veramente vivendo, pienamente, l’esperienza e la vita; quando non siamo consapevoli ed in preda alle “paranoie mentali” (la maggioranza delle volte) noi non viviamo, ci lasciamo vivere.

yoga legnano



yoga legnano







Nessun commento:

Posta un commento